Il segreto della presenza dei CEO sui social media: less is more

L’importante non è tanto essere sui social media. L’importante è esserci con una presenza in grado di valorizzare la propria professionalità e i risultati conseguiti.

È Luca La Mesasocial media strategist già al fianco degli Internationali Bnl Roma, del Coni e di campioni come Francesco Totti, Francesca Piccinini e Flavia Pennetta – a indicare la strada seguire.

Occasione l’incontro del Club Meeting, riservato a presidenti, amministratori delegati, direttori generali e board member di aziende italiane e multinazionali.

 

SUI SOCIAL MEDIA “LESS IS MORE”

Il segreto della presenza sui social media è nella qualità dei contenuti condivisi

Il segreto della presenza sui social media è nella qualità dei contenuti condivisi

«Il futuro dei contenuti sui social media può solo essere nella qualità dei contenuti. La prima pillola di strategia per i social media è impegnarsi a pubblicare meno spesso ma contenuti di qualità maggiore», spiega l’esperto di comunicazione e marketing con base a Roma, presidente di Procter & Gamble Alumni Italia.

Lo spamming è nemico del bene: prima di postare occorre individuare la propria strategia di comunicazione e il relativo calendario di posting.

«Costrute un piano da qui ai prossimi sei mesi – consiglia il consulente ai vertici aziendali –, progettando una serie di messaggi che rimangano impressi nella mente dei vostri contatti presenti e futuri».

 

NON BASTA CONDIVIDERE, OCCORRE CONDIVIDERE UN PUNTO DI VISTA

Secondo Claudio Feser di McKinsey Academy la rete è un ottimo strumento di ascolto

Secondo Claudio Feser di McKinsey Academy la rete è un ottimo strumento di ascolto

Altro consiglio è quello di «condividere il proprio punto di vista». Alla semplice condivisione dei contenuti postati da altre persone è preferibile la condivisione accompagnata da un commento. I ceo – spiega La Mesa – «contribuiranno ad aumentare la visibilità del marchio. Condividendo notizie relative alla propria azienda, i manager possono costruire relazioni proficue con i media, i colleghi, i clienti e i potenziali dipendenti».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.