L’impresa più facile è crescere i figli in Inghilterra. Scopri i benefit

tutti-i-vantaggi-di-crescere-i-figli-in-inghilterra

Così vicini – 1.285 chilometri tra Nova Milanese e la contea dell’Hampshire, nel sud dell’Inghilterra – eppure così lontani. Benefit (inglesi) contro difficoltà economiche (in Italia), semplicità (inglese) contro burocrazia nostrana. «Allevare figli in Italia è un’impresa condotta in solitudine con nonni e babysitter. In Inghilterra è un’impresa sociale che vede il settore pubblico costantemente al fianco delle famiglie».

Lo racconta via Skype Federica Salemi, 36 anni, mamma di Matilde e Leonardo, nati a Carate Brianza rispettivamente 7 e 3 anni fa. Dall’inizio del 2015 si sono trasferiti – papà Filippo, 41 anni, a fine 2014 – di fronte alla Manica, tra Southampton e Portsmouth a due passi dall’isola di Wight. «È un altro mondo, oggi come oggi non tornerei più indietro», racconta Federica.

 

ASSEGNI FAMILIARI DOPPI NEL REGNO UNITO

Filippo e Federica hanno deciso di crescere i figli in Inghilterra

Filippo e Federica hanno deciso di crescere i due figli in Inghilterra: nella foto con Matilde, 7 anni

In che senso è diverso crescere i figli in Inghilterra? Anzitutto gli assegni mensili sono molto più corposi, assegnati a prescindere dal  reddito familiare (fino a un tetto di 50 mila sterline, oltre il quale si paga una tassa, la cosiddetta “high income child benefit charge”): 20,70 sterline per Matilde, 13,70 sterline per Leonardo – fa i conti la mamma –, per un totale di 137,6 sterline, circa 157 euro al mese. «In Italia il sistema degli assegni familiari è gestito in modo completamente differente», prosegue Federica.

Le tabelle Anf (quelle degli assegni per il nucleo familiare) relative al 2016-2017 parlano chiaro: lo Stato tricolore assegna 75,16 euro al mese alla famiglia composta da 4 persone con un reddito di 40 mila euro. Assegni inversamente proporzionali al reddito, diversamente da quanto accade nel Regno Unito fino a un tetto di 50 mila sterline. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 1234

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.