L’impresa più facile è crescere i figli in Inghilterra. Scopri i benefit

Per quanto riguarda la scuola primaria il Regno Unito suona un’altra musica: «La cancelleria è gratuita, il materiale informatico è a non finire, la mensa non si paga per i primi 3 dei 6 anni in cui è strutturata la “primary school”». Dal quarto anno la mensa costa 2,10 sterline, «in Italia – ricorda Federica – pagavo 4,70 euro per la mensa della scuola dell’infanzia. I bambini possono scegliere il giorno stesso tra il menu standard e quello vegetariano oppure consumare il “packed lunch”. Snack, frutta e dolce sono compresi nella dieta quotidiana».

 

6 SETTIMANE DI VACANZA ESTIVA

6 settimane di vacanze estive nel Regno contro i 3 mesi dell'Italia

6 settimane di vacanze estive nel Regno contro i 3 mesi dell’Italia

Il bilancio familiare inglese può contare anche su appena 6 settimane di pausa estiva: «Nella zona di Portsmouth – dice Federica – l’anno scolastico è iniziato il 5 settembre e si concluderà il 25 luglio. Non ci saranno tre mesi di vacanza estivi all’italiana, che mettono in crisi le famiglie. Organizzare sei settimane di pausa è tutt’altra cosa che gestire i mesi di giugno, luglio e agosto con i figli a casa». E in questo lasso di tempo – nota la mamma – gli studenti non fanno a tempo a dimenticarsi tutto quello che hanno appreso in classe.

Anche gli allievi delle scuole inglesi fanno vacanza, ma – a differenza dei colleghi italiani – le ferie sono spalmate durante l’anno a cavallo dei cosiddetti “term” di autunno, primavera ed estate. Piccolo sconticino, infine, sul carico di studio quotidiano: «Matilde entra a scuola alle 8:45, inizia le lezioni alle 8:55 ed esce alle 15:15», conteggia la mamma lombarda residente in Inghilterra.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 1234

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.