Con Intesa Sanpaolo, via al master in filosofia del cibo e del vino

Valorizzare il Made in Italy, in particolare il cibo e il vino dello Stivale. Dopo il successo di Expo arriva a Milano il primo master in filosofia del cibo del vino, nato dalla collaborazione tra Intesa Sanpaolo, ISWA (Italian Signature Wine Academy) e la facoltà di Filosofia dell’università Vita-Salute San Raffaele. A siglare l’accordo Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, Nicola Bedin, consigliere delegato dell’Università Vita-Salute San Raffaele e Marilisa Allegrini, presidente di Iswa.

 

MILANO PUNTA ANCORA SUL CIBO
master-filosofia-cibo-vino-intesa-sanpaolo

Arriva a Milano il primo master in filosofia del cibo del vino

Dopo il successo di Expo 2015, Milano, dunque, punta ancora sul cibo per fare del capoluogo lombardo un punto di attrazione per le imprese italiane e internazionali dell’agroalimentare. Il nuovo percorso di studio unisce, difatti, università e mondo produttivo. Il master preparerà nuovi manager che sapranno pensare, raccontare e dare valore all’unicità del Made in Italy nel settore agroalimentare e vitivinicolo. Si tratta di un master annuale che prevede 360 ore di didattica e 300 ore di stage nelle aziende partner, con lo sviluppo e la realizzazione di un progetto sul campo. Il percorso formativo sarà realizzato anche in collaborazione con Intesa Sanpaolo Formazione, la società del Gruppo specializzata in formazione manageriale, che metterà a disposizione moduli didattici dedicati all’innovazione di prodotto-processo, change management, sviluppo imprenditoriale, job creation, internazionalizzazione.

 

MANGIARE DIVENTA SAPIENZA

Il master di primo livello in filosofia del Cibo e del vino è aperto ai laureati (triennali, magistrali o vecchio ordinamento) di tutte le discipline. Tra le materie di studio, anche filosofia, etica, estetica, antropologia, storia, geografia dei territori, letteratura e arti. Mangiare, dunque, diviene sapienza. Obiettivo del master è quello di preparare manager capaci di raccontare e dare valore all’unicità del Made in Italy enogastronico.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.