Lavorare da Starbucks a Milano? È trendy: 5mila CV per 150 posti

starbucks-milano-cv-settembre-piazza-cordusio-caffè

I curricula sono arrivati da ogni parte d’Italia: cinquemila domande per essere uno dei selezionati per i 150 primi posti disponibili nella Milan Reserve Roastery di Starbucks, che apre a partire dal prossimo settembre in piazza Cordusio a Milano.

 

LAVORARE DA STARBUCKS? È TRENDY

Lavorare da Starbucks a Milano? È trendy: 5mila CV per 150 posti

Starbucks a Milano: 5mila CV per 150 posti

Cinquemila curricula tutti di giovani (o giovanni). Starbucks, dunque, non rappresenta solo un posto di lavoro come barista o cameriere. Lavorare da Starbucks per i Millennials significa far parte di un brand internazionale, di una multinazionale sinonimo di globalità. «Starbucks è trendy. È fantastico che apra a Milano e con un format particolare come quello della Roastery Reserve. Sono sicuro che avrà successo e spero di far parte di questo progetto, di crescere dentro questa azienda» commenta su Il Sole 24 Ore Pierluigi, 26 anni, originario di Bari: da alcuni anni lavora nel capoluogo lombardo come stewart ma ha presentato domanda per il primo punto vendita italiano del colosso del caffè.

 

5MILA CV PER 150 POSTI

«Sono affezionato al brand – racconta, invece, Davide, 27 anni di Vignate, già con un lavoro a tempo pieno. – Viaggio molto all’estero e per me è un punto di riferimento. Se non sarò assunto, sarò sicuramente un assiduo cliente».

 

STARBUCKS APRE A SETTEMBRE

Lo Starbucks milanese avrà il format premium del gruppo, la Roastery, che si sviluppa su una superficie di 2.400 metri quadrati. «Milano è la città giusta – commenta il presidente Emea di Starbucks, Martin Brok. – Giovane, creativa, internazionale. È la città che ha dato forma al nostro stesso progetto e su cui stiamo facendo investimenti multimilionari».

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.