Nasce scuola per diventare imprenditori: Fondazione Agnelli punta sui giovani

torino-scuola-imprenditori-sei-fondazione-agnelli-john-elkann

Si chiama Sei, come l’acronimo di School of Entrepreneurship and Innovation e come il numero di partner, pubblici e privati, che l’hanno promossa: è la nuova scuola d’eccellenza per formare imprenditori nata a Torino.

 

NASCE LA SCUOLA PER DIVENTARE IMPRENDITORI

Nasce la scuola per diventare imprenditori: Fondazione Agnelli punta sui giovani

Nasce la scuola per diventare imprenditori

L’iniziativa della Fondazione Agnelli permette a circa 220 studenti selezionati tra l’università torinese, il Politecnico di Torino e il Politecnico di Milano di entrare a contatto con il mondo dell’imprenditorialità attraverso lezioni formative in aula, esperienze operative nel mondo delle imprese innovative e testimonianze di imprenditori, investitori e professionisti. «Vogliamo aiutare i giovani – spiega John Elkann, vicepresidente della Fondazione Agnelli – che vogliono mettersi in gioco e avviare un’impresa innovativa. L’iniziativa nasce in collaborazione con le università, le istituzioni e le società del territorio per offrire nuove opportunità per trasformare le idee d’impresa in startup, rafforzando il ruolo di Torino nel panorama europeo dell’innovazione»

 

FONDAZIONE AGNELLI PUNTA SUI GIOVANI

La School Entreprenurship and Innovation prevede quattro percorsi di formazione, da dieci giorni di durata fino a un anno, per aiutare gli studenti universitari a trasformare le idee di impresa in realtà. La partecipazione alla scuola è gratuita per gli studenti. Quest’anno la scuola coinvolge circa 220 studenti degli atenei torinesi, con l’obiettivo di arrivare nel 2022 a 1.600 ragazzi e ragazze. Il primo modulo, Explorer, offre a 40 studenti che frequentano un corso di laurea triennale la possibilità di scoprire in tre mesi le basi della creazione d’impresa. Il secondo, Pioneer, è un percorso della durata di un anno per 30 studenti dell’Alta Scuola Politecnica su temi quali intelligenza artificiale, mobilità, internet delle cose, robotica. Il terzo modulo, Changer, è un programma della durata di cinque mesi in cui 50 giovani laureati lavorano alla soluzione di sfide globali impiegando tecnologie avanzate del Cern e del Politecnico di Torino. Il quarto, Inventor, si rivolge a 40 studenti universitari di ogni livello, appassionati di tecnologie e innovazione per programmare un prototipo e presentare un’idea imprenditoriale.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.