Onorato Armatori senza rivali in mare. CFO ruolo chiave della crescita

moby-gruppo-onorato-armatori

Un tempo contabili, oggi strateghi. Così è cambiato il ruolo del CFO. Esempio calzante è la crescita del gruppo Onorato Armatori a seguito dell’acquisizione, nel 2015, di Moby e Tirrenia. Senza la guida dell’intero percorso per mano del team responsabile della funzione della finanza e del controllo, la compagnia di armatori non potrebbe festeggiare il ruolo di leader nel trasporto di merci e passeggeri nel Mediterraneo.

Se nel 1800, quando nacque, poteva contare su due navi attive nella tratta tra Napoli e la Sardegna, la Onorato Armatori ha oggi una flotta di oltre 60 navi e ricavi per più di 600 milioni di euro.

A due anni esatti dalla conclusione del rifinanziamento del debito, BiMag ha fatto il punto con il CFO Marco Bariletti, vincitore nel 2016 del Business International Finance Award nella categoria finanza, il premio promosso da Business International. Bis per il premio nel 2017: candidature entro il 5 maggio, premiazione il 7 giugno a Milano.

 

Marco Bariletti, la Onorato Armatori ha fatto scuola: acquisizione di Moby, Toremar e Tirrenia con rifinanziamento del debito.

Marco Bariletti, CFO di Onorato Armatori, premiato al Cfo Summit 2016

Marco Bariletti (a sinistra), manager di Onorato Armatori, premiato al CFO Summit 2016

«È stata la prima operazione di rifinanziamento del debito complessivo, attraverso un’operazione mista contestuale di debito bancario e prestito obbligazionario, mai realizzata da una società italiana. Dopo aver ideato il progetto, la società ha selezionato e coinvolto banche italiane primarie e internazionali (Goldman Sachs, J.P. Morgan e Unicredit in primis). La complessità della rapida gestione in parallelo di due processi (sindacazione del debito bancario e collocamento del prestito obbligazionario), conclusi in meno di 4 mesi, è stata enorme: occorre tenere conto, infatti, il numero di controparti (agenzie di rating, banche e investitori) e di professionisti coinvolti (legali e revisori), nonché della necessità di contemperare il rispetto di vincoli (dagli aspetti normativi alle esigenze di marketing e di tempistica) tutti particolarmente stringenti».

 

Quali sono le caratteristiche di questo progetto nato nel 2015?

Dal 2015 Tirrenia fa parte del gruppo Onorato Armatori assieme a Moby

Dal 2015 Tirrenia fa parte del gruppo Onorato Armatori assieme a Moby

«A seguito dell’acquisizione di Cin Tirrenia e di una quota di minoranza della Moby, avvenute a luglio 2015, è stato rifinanziato l’indebitamento dell’intero gruppo Onorato Armatori (operazione chiusa l’11 febbraio 2016): è stato fatto attraverso la contestuale emissione di un prestito obbligazionario inaugurale di 300 milioni di euro sui mercati internazionali e attraverso la concessione di un prestito bancario sindacato di 260 milioni, di cui 200 milioni di linea term loan e 60 milioni di revolving credit facility».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.