Pizza, famola gourmet. Ticozzi: farine speciali sempre più trendy

pizza-pizzerie-concorso-internazionale-le-5-stagioni-

Dici Italia dici pizza: si tratta di uno dei prodotti simbolo della cucina e della cultura tricolore nel mondo, probabilmente il più famoso e diffuso in assoluto. Al moltiplicarsi di pizzerie in tutta la Penisola (secondo i dati Coldiretti sono oltre 51mila gli esercizi, tra pizzerie, ristoranti, panifici, pizzerie al taglio e bar, che vendono pizza in Italia) corrisponde un volume affari di 12 miliardi di euro generato dalla vendita di pizza solo nel Belpaese. Insomma, la pizza per gli italiani è un vero patrimonio, un settore che occupa oltre 200mila dipendenti e arriva al milione di occupati considerando l’indotto del settore (fornitori compresi).

Pizza, creatività in azione(Ticozzi): concorso premia migliore locale

Le 5 stagioni: i nuovi locali pizzeria è il concorso internazionale che sarà presentato a Rimini

Ma si fa presto a dire pizza. Da nord a sud della Penisola, le pizzerie si sono evolute, non solo in termini di qualità e servizio ma anche sotto il profilo della location e del design. Come nasce, allora, un format gastronomico di successo?

BiMag ne ha parlato con Nicola Ticozzi, coordinatore de Le 5 stagioni: i nuovi locali pizzeria, il concorso internazionale dedicato all’evoluzione delle pizzerie in Italia e nel mondo che sarà presentato a Rimini il prossimo 23 gennaio.

L’iniziativa è aperta ad architetti, imprenditori, designer, studi di progettazione, chiamati a confrontarsi sul tema della realizzazione di locali e spazi in attività rivolti alla preparazione e al consumo di pizza. Il montepremi complessivo in denaro del concorso è pari 7,5 mila euro, ripartito in tre premi.

 

Quali sono le nuove formule di pizzeria che si stanno affermando nel Paese?

Pizza, creatività in azione(Ticozzi): concorso premia migliore locale

Sono oltre 51mila gli esercizi che vendono pizza in Italia

«Declinerei la domanda al plurale, perché in Italia convivono con successo diverse tipologie di pizza, che rispondono sia alle esigenze delle abitudini storiche locali sia ai gusti del pubblico (con diverse valenze di innovazione e sperimentazione o di ricerca qualitativa all’interno delle ricette più tradizionali). Dal punto di vista del prodotto, negli ultimi anni l’offerta si è ampliata, per esempio, al concetto di pizza gourmet, un filone molto importante che indica una delle direzioni di sviluppo del settore: tale ambito coinvolge direttamente l’utilizzo di farine specializzate, la scelta dei condimenti e si riflette sulla qualità del prodotto finale, sul suo valore e sull’immagine stessa della pizza».

 

In che direzione stanno andando le pizzerie in Italia? 

Pizza, creatività in azione(Ticozzi): concorso premia migliore locale

Il concorso Le 5 Stagioni-I nuovi Locali Pizzeria premia i tre migliori progetti

«È in atto da alcuni anni una trasformazione importante, sia in Italia che nel mondo (dove, non dimentichiamolo, la pizza è ovunque molto conosciuta, diffusa e consumata) che sta modificando il modo di pensare e progettare i locali pizzeria. Accanto a pizzerie legate a canoni di progettazione strettamente tradizionali e, possiamo dire, più convenzionali (con il forno a legna in primo piano) si stanno sviluppando locali pizzeria che si connotano per la proposta di cocktail bar di qualità. Questi locali valorizzano, quindi, il banco bar e sottolineano la loro offerta innovativa con nuove e mirate scelte di architettura d’interni, di arredamento e di illuminazione, a cui si affiancano modalità di servizio originali. Questo è solo un esempio. Gli aspetti innovativi sono molti e, proprio per questo, è estremamente importante l’istituzione di concorsi di livello internazionale, come il concorso internazionale Le 5 stagioni dedicato, appunto, alla progettazione dei locali pizzeria: l’iniziativa mette è proprio a fuoco i linguaggi di espressione del cambiamento».

 

In un mondo sempre più in evoluzione, cosa chiedono oggi i clienti quando scelgono di mangiare una pizza?

Pizza, creatività in azione(Ticozzi): concorso premia migliore locale

Solo in Italia la pizza generata un volume affari di 12 miliardi di euro

«Non esistono più soltanto i target consolidati e le occasioni prevedibili: le persone possono scegliere indifferentemente di consumare con la famiglia in un locale di pizza al taglio, oppure di farsi consegnare a casa una pizza ordinata via internet. La pizza risponde a moltissime esigenze di consumo, di condivisione, di praticità, di socialità e, naturalmente, soddisfa criteri di alimentazione semplice, sana e di accessibilità economica. La pizza risponde a molti requisiti e proprio questa sua caratteristica la conferisce un notevole potenziale futuro. Una ragione in più questa per seguire quello stimolo che proprio l’evoluzione della pizza darà alla progettazione degli spazi di consumo».

 

Quali sono i punti di forza delle pizzerie Made in Italy per affrontare un mercato sempre più globalizzato?

«La pizza oggi (soprattutto nel panorama internazionale) può essere considerata una proposta per un target glamour. Questo elemento è già portatore di indicazioni importanti per il settore (sia per gli imprenditori che i progettisti) perché lo sviluppo di un’iniziativa imprenditoriale può sicuramente partire dal prodotto. A patto, però, di trovare nel progetto complessivo del locale e nel servizio una precisa e forte coerenza».

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.