Raccontare la malattia sul posto di lavoro aiuta? Facebook lo ha fatto

Ne è convinto anche Luca Colombo, country manager di Facebook Italia, che ha affrontato e sconfitto un tumore alla mammella. L’aver condiviso con familiari, amici, colleghi e conoscenti la propria malattia gli ha permesso di affrontarla con più forza. 

 

CONDIVISIONE E TESTIMONIANZA, L’IMPORTANZA DEL FARE GRUPPO 

Non bisogna vergognarsi di essere malati. Meno ci si sente soli e più si è pronti ad affrontare un momento così duro della vita. Nei racconti della Mendelsohn e di Colombo c’è questa convinzione. E riuscirsi a sentire meno soli anche sul posto di lavoro nell’affrontare la malattia è fondamentale per poter continuare a vivere una vita normale nonostante la malattia

Uscire allo scoperto aiuta si chi sta male, sia chi gli sta intorno. Permette di creare legami, permette di ricevere supporto e più forza per affrontare il male e nello stesso tempo di donare testimonianza e altrettanta forza a chi vive la stessa situazione. La logica del gruppo, tanto incentivata anche dai social network, Facebook in primis, offre proprio questo vantaggio

@ludabis

TORNA INDIETRO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.