Triciclo elettrico hi-tech, così Scuter rivoluziona le flotte aziendali


Flotte aziendali, ecologia, sharing economy e startup. In questo 2017 ormai iniziato, l’Italia riparte da nuove idee che sognano in grande e si focalizzano sui veri problemi della vita quotidiana dei lavoratori, come quegli spostamenti che, nelle grandi città, sono sempre più difficili, causa traffico, parcheggio, tempo e stress. Da Roma, però, arriva la soluzione a tutto questo grazie a Scuter, il nuovo progetto tutto italiano e capace di farsi portatore di una sintesi mai avuta prima sul mercato della sharing mobility, ovvero l’unione tra macchina e moto.

scuter-carnovale

Gianmarco Carnovale, Ceo di Scuter

Un’accoppiata che potrebbe risultare vincente e che sta per dare vita a un ibrido su tre ruote da poter usare senza casco e con qualsiasi tipo di patente, ma soprattutto senza l’onere della proprietà. Una vera e propria rivoluzione per il nostro mercato, sia lato b2b, sia lato b2c, che abbiamo voluto scoprire insieme al CEO di Scuter, Gianmarco Carnovale.

Imprenditore seriale di lungo corso nell’ambiente tech tricolore che, tra l’altro, ha deciso di avviare questa nuova impresa in maniera ancora più innovativa, attraverso l’apertura di una campagna di crowdfunding iniziata su Mamacrowd con l’obiettivo di raccogliere almeno 150 mila euro per poter cominciare a commercializzare il prodotto a livello aziendale dalla prossima primavera.

 

Carnovale, come sta andando la raccolta fondi online?
«Benissimo direi. In poco più di un mese abbiamo già ottenuto la metà dei finanziamenti che ci eravamo proposti di raggiungere e siamo sicuri che riusciremo ad aprire i battenti della nostra attività per la prossima primavera».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12345

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.