Il Prosecco rovina i denti: attacco del Guardian. Fake news effetto Brexit?

prosecco-denti-guardian-coldiretti-brexit

Il Prosecco rovina il sorriso: buca i denti, lacera lo smalto e danneggia le gengive. La provocazione arriva dal quotidiano inglese The Guardian, che in un articolo perora ben sette motivi per smettere di bere le bollicine italiane (particolarmente apprezzate nel Regno Unito: solo nel 2016 gli inglesi hanno consumato 40 milioni di litri di Prosecco).

 

THE GUARDIAN: IL PROSECCO ROVINA I DENTI

Save your teeth titola The Guardian nell’articolo firmato da Zoe Williams: la pietra dello scandalo è il mix di alcol, zucchero e anidride carbonica che buca i denti, lacera lo smalto e danneggia le gengive. L’autrice dell’articolo elenca sette motivi per cui le bollicine italiane più famose del mondo sarebbero pericolose per i denti, citando addirittura il dentista Mervyn Druian del London Centre for Cosmetic Dentistry. A essere messe in guardia sono, in particolare, le donne amanti delle bollicine Made in Italy: i rischi estetici legati a un consumo eccessivo di Prosecco rovinerebbero irrimediabilmente il loro sorriso.

 

BOTTA E RISPOSTA A CAVALLO DELLA MANICA

Prosecco rovina i denti: attacco del Guardian. Fake news effetto Brexit?

Il Prosecco rovina i denti: attacco del Guardian

La curiosa boutade del Guardian ha scatenato un botta e risposta a cavallo della Manica tra Italia e Gran Bretagna.

Il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina scrive via Twitter «Caro Guardian, dì la verità: il Prosecco fa sorridere anche gli inglesi. Stop fake news grazie». Debora Serracchiani, presidente di Regione Friuli Venezia Giulia commenta: «Dopo la Brexit in Gran Bretagna c’è bisogno di aiutare i cittadini a tornare a sorridere: a dosi moderate, il nostro Prosecco fa miracoli». Luca Zaia, presidente di Regione Veneto liquida la questione con ironia: «Sicuramente una fake news, per cui chiudiamola qui. Gli inglesi sanno benissimo che dove c’è Prosecco c’è un sorriso, lo sanno tanto bene che lo celebrano e lo consumano ogni giorno di più». Il Times, invece, prova a rimediare alla gaffe del Guardian ironizzando sul campanilismo inglese.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.